Sguardo oltre la mobilitazione, CNA Sicilia: la grande partecipazione rafforza le nostre rivendicazioni

0
213

La protesta era importante, e c’è stata. Forse anche storica per capacità di aggregazione. Ha segnato un livello di malessere profondo ed intenso e ha rappresentato, per chi ha responsabilità di governo, una forte sollecitazione ad intervenire per mitigare gli effetti devastanti prodotti dal caro bollette. E  in prima fila anche i sindaci con le fasce tricolori. La loro presenza ha certificato il profondo disagio delle comunità, anche in chiave istituzionale: hanno rappresentato un valore aggiunto. I vertici di Cna Sicilia assicurano di tenere alta l’attenzione sull’emergenza. “Forti della presenza, della partecipazione e della spinta arrivata dalla mobilitazione di lunedì scorso a Palermo, organizzata assieme ad altre Associazioni – spiegano il presidente Nello Battiato e il segretario Piero Giglione –  ci sentiamo, ancora più, in dovere ad andare avanti affinché la piattaforma rivendicativa possa trovare riscontro. Dal nostro punto di vista, occorre dare priorità alla transizione green creando un fondo pluriennale per sostenere gli investimenti in autoproduzione da fonti rinnovabili (impianti fino a 200 KW) da parte delle imprese, oltre a definire un perimetro di certezza per gli aiuti sulle bollette concentrando i sussidi in maniera selettiva sulle imprese in base all’incidenza dei costi energia sul totale.

È necessario, come sottolineato dalla stessa ARERA nella recente segnalazione a Parlamento e Governo, rinviare la fine del mercato tutelato per non esporre a rischi di default migliaia di piccole imprese e rivedere la misura sugli extra-profitti per non penalizzare le imprese che hanno realizzato investimenti sulle rinnovabili ai fini dell’autoconsumo, in nessun modo riconducibili a logiche di carattere speculativo. E anche sulla vicenda del superbonus 110%, che in termini di efficientamento energetico del patrimonio edilizio esistente ha giocato un ruolo significativo, ci sentiamo di fare, legittimamente, le nostre valutazioni in riferimento al Decreto Legge “Aiuti Quater”.

 

E’ evidente che rimane irrisolto il problema dei crediti che stanno ancora nei cassetti fiscali delle imprese. E poi diciamo con forza che vanno salvaguardate, nell’interesse stesso del sistema, tutte le situazioni che presentino la sottoscrizione di contratti, oltre a quelle nelle quali siano già stati presentati i titoli abilitativi necessari (CILA), allo scopo di assicurare la realizzazione dei lavori avviati con 110% e scongiurare i danni derivanti dal mancato avvio dei cantieri. Positiva l’attenzione alla nostra richiesta di un periodo transitorio ma il termine del 25 novembre per la presentazione della CILA è del tutto inadeguato. Fermo restando che, rispetto agli ecobonus, c’è la  necessità di stabilizzare la misura nel medio-lungo termine per consentire una facile programmazione dei lavori senza creare tensioni nella domanda e strozzature nell’offerta”.

Spostando l’obiettivo sulle dinamiche prettamente siciliane, i due massimi esponenti della Cna regionale invitano il Presidente della Regione, Renato Schifani, a trovare, specie in questa delicata fase, la modalità più consona per mantenere viva e costante l’interlocuzione con le forze sociali ed economiche.

 

“Con il dialogo aperto, si può accelerare e si possono individuare efficaci soluzioni” – secondo Battiato e Giglione, i quali puntualizzano: “Occorre davvero fare presto, prima che altre imprese, incapaci di sostenere gli eccessivi costi delle bollette e delle materie prime, chiudano i battenti e il territorio perda ulteriori importanti pezzi produttivi con conseguente perdita di posti di lavoro. Le nostre proposte sono chiare e realizzabili.  La CNA siciliana continuerà nel suo impegno a salvaguardia del tessuto socio-produttivo.

Lunedì scorso la nostra confederazione, attraverso le sedi territoriali, ha dato prova di grande coesione e capacità di partecipazione. Circa 2mila presenze artigiani, imprenditori, presidenti, segretari, pensionati e dipendenti delle nostre strutture hanno sfilato per le vie di Palermo sotto le bandiere CNA. Grande orgoglio – concludono Battiato e Giglione – questo certifica come anche nei momenti di difficoltà la nostra comunità è unita, pronta a battersi, a scendere in piazza per non rinunciare al futuro”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here